Come si diventa investigatore privato

//Come si diventa investigatore privato

Come si diventa investigatore privato

Il mestiere dell’investigatore privato è senza dubbio difficile, ma è anche molto affascinante e a moltissime persone piacerebbe intraprendere questo tipo di carriera; proprio per la particolarità di questa professione, chi è intenzionato a praticarla deve ottenere una licenza, per la quale è necessario presentare una serie di importanti requisiti formativi e tecnici: cerchiamo di capire come si diventa investigatore privato.

I requisiti per diventare investigatore privato

In base a quanto previsto dal Decreto del Ministero dell’Interno numero 269/2010, esiste una distinzione tra investigatori privati titolari di istituto e investigatori autorizzati dipendenti (ci sono anche le figure dell’informatore commerciale titolare di istituto e di informatore autorizzato dipendente). L’investigatore privato titolare di istituto deve possedere i seguenti requisiti:

  • Laurea almeno triennale in Giurisprudenza, Economia, Scienze Politiche, Scienze dell’Investigazione, Sociologia o Psicologia a Indirizzo Forense;
  • Periodo di pratica almeno triennale presso un investigatore privato autorizzato da un minimo di cinque anni;
  • Partecipazione a corsi di perfezionamento in materia di investigazioni private tenuti da centri di formazioni professionale accreditati o da strutture universitarie.

In alternativa possono diventare investigatore privato titolare di istituto coloro che hanno svolto per almeno cinque anni una documentata attività d’indagine nei reparti investigativi delle Forze di Polizia e che hanno lasciato il servizio senza demerito da meno di quattro anni.

Per diventare investigatore privato dipendente invece bisogna presentare dei requisiti meno restrittivi, infatti sono sufficienti:

  • Diploma di scuola media superiore;
  • Periodo di pratica almeno triennale come collaboratore per indagini elementari (minimo 80 ore mensili) presso un investigatore privato autorizzato in ambito civile da un minimo di cinque anni;
  • Partecipazione a corsi di perfezionamento in materia di investigazioni private ad indirizzo civile tenuti da centri di formazioni professionale accreditate o da strutture universitarie.

In alternativa possono diventare investigatore privato dipendente coloro che hanno svolto per almeno cinque anni una documentata attività d’indagine nei reparti investigativi delle Forze di Polizia e che hanno lasciato il servizio senza demerito da meno di quattro anni.

La licenza di Pubblica Sicurezza per l’investigazione privata

Chi vuole diventare investigatore privato titolare di un istituto deve dimostrare di possedere tutti i requisiti elencati prima per ottenere la licenza di Pubblica Sicurezza che viene rilasciata dal Prefetto competente per territorio; inoltre è necessario anche iscriversi alla Camera di Commercio. La licenza è personale e non cedibile e quando si fa richiesta alla Prefettura sarebbe meglio avere già a disposizione i locali dove si vuole stabilire la sede dell’istituto.

L’investigatore dipendente invece per diventare collaboratore professionale deve ottenere una sorta di mini-licenza (richiesta dal titolare dell’agenzia per cui lavora), oppure può svolgere il ruolo di collaboratore con incarichi investigativi elementari; ad ogni modo non si può lavorare come dipendente di un’agenzia investigativa con prestazioni di lavoro autonomo (ovvero con partita Iva e rilascio della fattura).

La concorrenza delle agenzie di investigazione

Ora che si sa come si diventa investigatore privato bisogna valutare un altro aspetto prima di intraprendere questo percorso: la concorrenza. Anche se la categoria è da tempo ammessa a far pare delle associazioni professionali tenute a curare la propria formazione, al giorno d’oggi non esiste un vero e proprio albo delle agenzie investigative, quindi conoscere il numero esatto delle agenzie investigative operative nel nostro Paese non è possibile; secondo alcune stime si parla di circa tremila detective, la maggior parte dei quali ha ottenuto la licenza nelle grandi città come Roma, Milano e Napoli.

By |2017-06-08T10:21:55+00:00aprile 3rd, 2017|Consigli|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment